In News

We are a Great Place to Work 2018! Perché non solo le Big sono le Migliori Aziende per cui lavorare…

Premiata Commit, una delle aziende del gruppo Adelante!

 

Il 2 marzo all’evento Best Workplaces Italia 2018 sono state premiate le aziende italiane in cui si lavora meglio.

Presso il SuperStudio Più di Milano, ha avuto luogo la serata di premiazione di Great Place to Work Italia durante la quale è stato svelato l’esatto posizionamento delle Aziende all’interno della classifica Best Workplaces Italia 2018.

Commit, azienda del gruppo Adelante, ha ottenuto il 7° posto nella classifica “Small Companies” del “Great Place to Work Italia”, importante riconoscimento che inserisce Commit nella classifica dei migliori ambienti di lavoro italiani: un’analisi che tiene in considerazione parametri quali il clima organizzativo e le politiche di gestione dei collaboratori.

Dall’indagine di quest’anno basata su 122 aziende e su oltre 60mila risposte ai questionari, si conferma il legame molto stretto tra crescita del business e ambiente interno.

Come spiega Alessandro Zollo, AD di Great Place to Work Italia, chi investe in spazi lavorativi moderni, flessibili e innovativi, ha un ritorno diretto sul clima aziendale e di conseguenza sulla produttività delle persone.

Dalla premiazione emerge che le aziende che si trovano in questa esclusiva classifica siano state in grado di puntare su innovazione, sviluppo delle loro persone e qualità del management.

Per questo siamo orgogliosi che Commit faccia parte del gruppo Adelante e soprattutto del grande team di Commit.

Ma siamo ancora più orgogliosi di avere anche un’altra azienda del gruppo Adelante tra i “Best Place to Work” , la In20, che per ben due anni di seguito, il 2016 e il 2017 ha ottenuto la certificazione “Great Place to Work”.

Ma ogni traguardo superato è l’inizio di una nuova gara e noi siamo pronti a migliorarci e a crescere insieme!

 

RASSEGNA STAMPA:

Uno speciale dedicato alla ricerca, con interviste ai responsabili delle aziende vincitrici e analisi del loro successo, sarà disponibile all’interno dell’inserto Economia del Corriere della Sera di lunedì 5 marzo.

Post recenti